homeschooling-webinar

Stanno per aprirsi le iscrizioni all’anno scolastico 2015/16, molti genitori stanno per decidere quale percorso educativo seguirà il proprio figlio. C’è chi è in procinto di iniziare l’esperienza delle scuole primarie e chi invece è alle prese con la scelta del liceo più adatto. Infine, c’è chi ha scelto una strada alternativa a tutto questo e si appresta a inviare la propria dichiarazione di educazione parentale agli uffici competenti.

Quando si parla di Homeschooling solitamente ci si sofferma su domande che riguardano l’apprendimento dei bambini: cosa stanno studiando e come, se stanno assimilando le nozioni, se sono interessati a certi argomenti o meno. Ciò che si trascura di ricordare è che, soprattutto durante il primo anno di HS, sono i genitori quelli che subiscono una grande trasformazione. La maggior parte dell’apprendimento è a carico del genitore che deve imparare a educare (dal latino e-ducere = tirare fuori) il proprio figlio, a districarsi tra i propri diritti e doveri, a preparare un programma di studi adatto, a valutare le diverse filosofie pedagogiche, a riprogrammare la propria vita se abituato alla routine degli scolarizzati. Ricordiamo che l’educazione vera, non quella che troppo spesso viene proposta nelle scuole, trae dalla persona ciò che ha da sviluppare di autentico, di proprio. Questa è una capacità che molti genitori devono imparare partendo da loro stessi.

Se state considerando l’Homeschooling, ma non sapete da dove iniziare vi consiglio di iscrivervi al Network www.educazioneparentale.org dove, oltre a trovare altre famiglie che la pensano come voi, potrete partecipare o visionare dei webinar. Tra questi troverete in elenco: “Homeschooling per Principianti”. In veste di relatrice ci sarò io, Erika Di Martino, e potrete inviarmi le domande in diretta utilizzando la chat sulla pagina di Youtube dedicata. Per partecipare basterà collegarsi.
Approfittatene, posso aiutarvi a sciogliere i dubbi e a rispondere alle vostre domande. 

Vi ricordo inoltre la possibilità di acquistare “Homeschooling: l’Educazione Parentale” in Italia. Un manuale ricco di esperienze e consigli pratici, adatto anche a chi non sta ancora praticando l’HS. Potete seguire il link e leggere l’incipit e i commenti dei lettori.

Nell’attesa di incontrarci venerdì 16 gennaio in diretta, riassumo qui i primi passi per iniziare questo percorso serenamente:

  1. Informatevi bene su quali siano i diritti e i doveri nel prendervi la responsabilità dell’educazione dei vostri figli e informatevi sulle leggi vigenti. Se avete intenzione di interrompere il percorso di studi tradizionale dei vostri figli, informate la scuola e il vostro Dirigente Scolastico, ma fatelo dopo aver collezionato tutte le informazioni necessarie.
  1. Scegliete un approccio educativo che si addica alla vostra famiglia. Ciò non significa che nel tempo non potrete cambiare strada, ma per iniziare è meglio avere le idee chiare ed essere organizzati. Uno dei vantaggi dell’HS è la libertà di scelta pedagogica: seguirete il curriculum scolastico preparando l’esame annuale, vi metterete alla prova con l’unschooling, oppure sceglierete un approccio montessoriano, o ancora Steineriano? Prima di scegliere confrontatevi con altri genitori che stanno educando senza scuola, da più tempo di voi.
  1. Mettetevi in rete. L’Homeschooling in Italia potrebbe essere un percorso solitario dato l’esiguo (ma crescente) numero di famiglie che lo praticano, perciò è fondamentale mettersi in contatto con chi la pensa come voi. Il Network educazioneparentale.org offre, oltre a tutte le informazioni legali, un’isola felice dove dialogare con chi – come voi – vede l’educazione con occhi nuovi, e concrete opportunità di incontro attraverso eventi informativi, gite e ospitalità.
  1. Siate pazienti con i vostri figli, ma sopratutto con voi stessi. Prima di entrare nel ritmo giusto, prima di avere le idee ben chiare e di trovare la determinazione necessaria per fare il grande passo, potrebbe passare anche un anno. Queste scelte importanti potrebbero aver bisogno di tempo per fiorire e, una volta fiorite hanno bisogno di cure e attenzioni per prosperare. Il tutto e subito, in questo caso, non funziona, ma posso assicurarvi che le conquiste più grandi sono sempre quelle che necessitano di coraggio e forte spirito di iniziativa. Non siete soli, siamo parecchi e stiamo crescendo insieme.
Share This